lunedì 30 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #goodmonday...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #goodmonday #newweek - Non accontentarti dell'orizzonte, cerca l'infinito (J. Morrison) - #maimollare #nevergiveup #finoallafine #untiltheend #borntorun #instagram #instamorning #instamoment #pic #picoftheday #picofthemorning #walkingwithmydog #orangemorning #passion #courage #heart http://ift.tt/1IiUZM5


from Tumblr http://ift.tt/1MYQR0w
via IFTTT

domenica 29 novembre 2015

#buongiorno #buonadomenica #goodmorning #goodsunday - Le...



#buongiorno #buonadomenica #goodmorning #goodsunday - Le occasioni si moltiplicano quando le cogli (Sun Tzu) - #reflection #walking #sunrise #instamorning #instagram #passion #goals #coffee #coach #picoftheday #winner - Opportunities multiply when catches them (Sun Tzu) - #goodluck #goodday #relax http://ift.tt/1XA3cxe


from Tumblr http://ift.tt/1XA3VOY
via IFTTT

sabato 28 novembre 2015

Il corto circuito del fanatismo

Articolo di Dacia Maraini (Corriere 27.11.15) “A un civile e savio relativismo e a una umana tollerante convivenza, c’è chi sente il bisogno di contrapporre, con gesta eclatanti, la fedeltà a un Dio antico, dispotico e fermo nel tempo”
«Il fanatismo sta alla superstizione come il delirio sta alla febbre. Chi ha delle visioni e scambia i sogni e le proprie fantasie per profezie, è un entusiasta. Chi scambia la propria follia per un impegno ad uccidere, è un fanatico». Lo scrive Voltaire nel 1764. 
Il fanatismo ha radici antiche, profonde. E ubbidisce a una drastica e volontaria semplificazione della realtà. Chi conosce la complessità del mondo, sa che il diverso va prima di tutto conosciuto, poi avvicinato, per confrontarsi, per discutere, per contrattare. Il mondo è ampio e diversificato. Chi semplifica, non vuole conoscere l’altro, vuole solo eliminarlo. Tagliare una testa è piu semplice, piu chiaro, più decisivo che dialogare. Ma per tagliare le teste bisogna disporre di armi, libertà di movimento e potere; per questo il fanatico cercherà di procurarsi armi e denaro, senza tanti scrupoli, con l’imbroglio, il furto, la rapina se necessario. Per il semplificatore, il fine giustifica sempre i mezzi. «Una volta che il fanatismo ha incancrenito il cervello, la malattia è quasi incurabile», continua Voltaire, «i fanatici sono persuasi che il Dio che li ispira sia al di sopra delle leggi e che il loro entusiasmo sia la sola legge che devono ascoltare… Cosa rispondete a chi dichiara che è sicuro di meritare il cielo scannandovi?».

Riconosciamo questa logica, che oggi praticano i ragazzi dell’Isis, altrimenti detto Daesh. È una logica perversa, ma seducente nella sua radicale brutalità. Ci vuole intelligenza, sensibilità, rispetto, pazienza, per stabilire dei rapporti reali col mondo. Il Dio semplificatore, come la regina folle del Paese delle Meraviglie, non conosce né rispetto, né pazienza, ma solo un bisogno sbrigativo e spietato di imporre la propria funebre volontà: via quella testa, via quell’altra! Presto, presto, tagliate, tagliate! «Sono di solito i furfanti a guidare i fanatici e a mettere il pugnale nelle loro mani», continua Voltaire nella sua lucida analisi che sembra scritta oggi : «Le leggi, la religione, non valgono contro questa peste degli animi. La religione, lungi dall’essere per loro un cibo salutare, si trasforma in veleno… essi attingono i loro furori dalla stessa religione che li condanna».

Si ricordano due avvenimenti che sono rimasti incisi a fuoco nella memoria storica, per la loro atrocità. Il caso dei protestanti fatti a pezzi dai cattolici al tempo della Regina Elisabetta: «I borghesi di Parigi corsero la notte di san Bartolomeo ad assassinare, scannare, fare a pezzi e gettare dalle finestre i loro concittadini che non andavano a messa». E quello della setta di eretici ismaeliti che, guidati da un famoso «Vecchio della montagna», diffusero, nel secolo XI, il terrore in tutto il Medio Oriente con i loro assassini a freddo, contro chiunque giudicassero non in linea con il loro Dio. Si chiamavano Hashishiyyin (uomini dediti all’hashish), da cui deriva la parola «assassino». Il Vecchio della montagna, Hasan i-Sabbah, prometteva loro un paradiso di freschi ruscelli e di vergini disponibili e innamorate, se si fossero lasciati uccidere; ma solo dopo avere pugnalato e sgozzato un buon numero di miscredenti. Il Vecchio aveva un carisma straordinario e i ragazzi andavano a morire pieni di entusiasmo, sicuri della meravigliosa ricompensa. Ora ci chiediamo: erano solo criminali o ragazzi bisognosi di assoluto in un mondo che aveva perso ogni rapporto con l’utopia? Ragazzi che scambiavano il coltello per la chiave che avrebbe aperto loro le porte del paradiso?

La cronaca non parla mai del genere femminile. Non era pertinenza delle donne tagliare le gole. Le donne vinte diventavano schiave, proprietà del vincitore assieme alle pecore, ai cavalli, alle mucche. Merce pregiata che si poteva comprare, vendere, utilizzare a proprio piacimento. Solo quando si ribellavano all’orribile destino, venivano sgozzate pure loro.
Il fanatismo non appartiene a una cultura piuttosto che a un’altra, non ha niente a che vedere con l’osservanza di una fede. Forse non è neppure una espressione dell’odio che anima gli esseri umani. Chi odia è anche capace di amore. Il fanatico respinge sia l’uno che l’altro. Piuttosto si direbbe un bisogno profondo e non ascoltato di trascendenza. Un bisogno che, non soddisfatto con umanità, si trasforma in un mostruoso innamoramento della morte e del nulla.

Il continuo battersi il petto gridando che siamo noi i responsabili, siamo noi i colpevoli, suona un poco ridicolo a dire la verità e anche presuntuoso: come se fossimo noi a determinare le svolte nelle coscienze degli esseri umani. Perché dovremmo togliere a questi ragazzi la libertà di scelta e di azione? Anche se loro non riconoscono il libero arbitrio, anche se sostengono che è tutta colpa di chi ha cominciato per primo ad aggredire, che sia il crociato o il colonialista, è presuntuoso ritenere che siamo responsabili di quello che fanno. Certamente l’Europa ha compiuto dei grandi errori, ma ciò non toglie che ogni generazione, ogni persona, risponde delle proprie scelte e delle proprie azioni. Le giustificazioni suonano paternalistiche e grottesche .

Le religioni si sono sempre divise, anche con ferocia, su questo problema di fede: Dio esiste in quanto essere pensante, con un corpo riconoscibile, o è una entità soprannaturale, una mente che comprende tutto e tutto capisce, ma non può intervenire perché è piu simile al cosmo infinito che all’uomo finito? Le piu feroci guerre esplose all’interno delle fedi monoteiste si basano su questo punto: se Dio è onnipotente, perché permette il male? Se invece Dio può solo il bene, poiché il male spetta al demonio, allora Dio non è onnipotente, ma solo una parte che combatte contro un’altra. E come distinguere il bene dal male? Ed esiste un male universale, riconosciuto da tutti? Quel bene e quel male stanno in un Libro Sacro o nella coscienza degli uomini?

I Sunniti e gli Sciiti si sono combattuti per secoli su questi interrogativi. Fagocitando e distruggendo altri gruppi religiosi come i Mutaziliti (nel IX secolo) e le varie tendenze mistiche dei Sufi. Chi crede che la volontà divina sia simbolica e ideale, è piu disposto ad accogliere e adattarsi alle trasformazioni storiche. Chi invece concepisce Dio come un Padre assolutista, tirannico e geloso, è portato a ritenere che la realtà sia immobile, che la storia non conti, e la ragione non abbia alcun valore.

Di solito le grandi Chiese hanno scelto l’interpretazione simbolica e idealistica, (spesso paradossalmente unita a una precettistica rigorosa), perché ha permesso loro di adeguarsi ai cambiamenti, di mutare visione del mondo, di diventare piu umane e di durare nel tempo.

Ogni tanto però, non si sa come, esplode un corto circuito. A un civile e savio relativismo e a una umana tollerante convivenza, qualcuno sente il bisogno di contrapporre, con gesta eclatanti, la fedeltà a un Dio antico, dispotico e fermo nel tempo. Pretendendo di applicare i precetti del VII secolo dopo Cristo. Come se da noi a qualcuno venisse in mente di applicare le regole della Bibbia, quando la schiavitù era legale, la vendetta era l’unica forma di giustizia e gli adulteri e gli omosessuali venivano lapidati. Come fingere di non sapere che c’è stato Cristo, che ha contraddetto tutto quello che era considerato normale a quei tempi, ha introdotto la pratica dell’umiltà, del rispetto dell’altro, della povertà, dell’uguaglianza? Per questo è stato crocefisso, ma alla fine il cristianesimo ha trionfato sui cultori della Bibbia. E come fingere di non sapere quanto è costato raggiungere il concetto della divisione fra Stato e Chiesa? Quanto è stato doloroso stabilire i valori dei diritti civili?
L’accettazione della immanenza o meno di un Libro Sacro sta alla base della saggezza di una religione. E certamente papa Francesco questo l’ha capito bene e sta dando un esempio straordinario. Ma la logica, la tolleranza, il rispetto, suonano come parole blasfeme per chi ha messo al posto del cuore una spada appuntita, per cui ogni abbraccio diventa una ferita mortale.

Voglio finire queste brevi riflessioni, da una parte con le parole di Voltaire, che ci raccomanda, nei momenti di crisi, di affidarci alla filosofia, perché i filosofi non fanno la guerra ma ragionano e il ragionamento è «il solo bene che abbiamo da contrapporre alle furie degli invasati». E, dall’altra parte, con le parole del poeta Ibn Arabi, uno dei piu grandi poeti del XIII secolo, deriso e attaccato per le sue posizioni conciliatorie: «Un tempo io mi offendevo col mio compagno se la sua religione non era uguale alla mia, ma ora il mio cuore ammette ogni forma. Il mio cuore oggi è un prato per le gazzelle, un chiostro per il monaco, una Kaaba per il pellegrino, per le tavole della legge e per il sacro libro del Corano. Seguo la tenerezza e dovunque mi portano i cammelli d’amore, là trovo la mia religione, la mia fede».”"

#buongiorno #mattinieri #sabato #goodmorning #saturtday...



#buongiorno #mattinieri #sabato #goodmorning #saturtday #goodsaturday #Wakeup #coffee - La gratitudine è la memoria del Cuore (J.B.Massieu) - #walkingwithmydog #goodluck #goodday #foodphotography - Gratitude is the memory of the Heart (JBMassieu) - #picoftheday #instamorning #instagram #heart #passion #tree http://ift.tt/1OltAdE


from Tumblr http://ift.tt/21kKv5t
via IFTTT

venerdì 27 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #reading...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #reading #reflection & #walkingwithmydog - Non dare mai spiegazioni non ne hanno bisogno e i tuoi nemici non ci crederanno comunque (E.Hubbard) - #maimollare #nevergiveup #untiltheend #finoallafine #picoftheday #picofthemorning #instagram #instamorning #italy - Never give explanations do not need it and your enemies will not believe it anyway (E.Hubbard) - #determination #courage #trust http://ift.tt/1Yx3qYr


from Tumblr http://ift.tt/21j9ea9
via IFTTT

giovedì 26 novembre 2015

Non riesco a sopportare quelli che non prendono seriamente il...



Non riesco a sopportare quelli che non prendono seriamente il cibo. (O. Wilde) #food #convivio #cucina #civiltàdellatavola #apparecchiatura #goodtimes #goodfood #foodphotography #dinner http://ift.tt/1Hqubtn


from Tumblr http://ift.tt/1XjcdzR
via IFTTT

mercoledì 25 novembre 2015

#starwars #fail in the #street 😂😂😂😂 http://ift.tt/1PZrSi8



#starwars #fail in the #street 😂😂😂😂 http://ift.tt/1PZrSi8


from Tumblr http://ift.tt/1SkX4HN
via IFTTT

@ralphlauren #american #british #style #f# http://ift.tt/1Ibfiv4



@ralphlauren #american #british #style #f# http://ift.tt/1Ibfiv4


from Tumblr http://ift.tt/1SkX4rt
via IFTTT

#fantastic #Capecod #night http://ift.tt/1PY58z5



#fantastic #Capecod #night http://ift.tt/1PY58z5


from Tumblr http://ift.tt/1LyzeCY
via IFTTT

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #coffee #reading...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #coffee #reading #reflection - Nessuno è nato sotto una cattiva stella, ci sono semmai uomini che guardano male il cielo (Dalai Lama) - #walkingwithmydog #countryshire #instamorning #instagram #picoftheday - No one is born under an unlucky star, there are men who look bad if anything the sky (the Dalai Lama) - #night #borntorun #fortune #goodluck #motivation #untiltheend #nevergiveup #newyork #asap #usa #i❤️usa🇺🇸 #nyc #yousoon http://ift.tt/1Lyyhub


from Tumblr http://ift.tt/1P7TdA3
via IFTTT

martedì 24 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #guys #Wakeup #coffee...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #guys #Wakeup #coffee #readytogo - Le avversità possono essere formidabili occasioni (T. Mann) - #reflection #motivation #motivated #nevergiveup #untiltheend #fight #picoftheday #pic #instagram #instamorning - Adversity can be formidable occasions (T. Mann) - #borntorun #walking #walkingwithmydog http://ift.tt/1Mz9Jp2


from Tumblr http://ift.tt/1Od7vxZ
via IFTTT

domenica 22 novembre 2015

L'età dello sfinimento

Nel momento in cui l’occidente dovrebbe essere più convinto dei suoi valori e battagliero, si sente esausto. E non vuole più portare il peso della leadership globale

“Se i cittadini continuano a rinchiudersi sempre più in piccoli circoli di interessi futili intrattenendosi di continuo in questi, c’è il pericolo che finiscano per rimanere esclusi da quelle grandi e potenti emozioni pubbliche che turbano sì le persone, ma che le fanno anche crescere e le rinfrescano. Non posso che temere che gli uomini raggiungano un punto in cui considerano ogni nuova teoria un pericolo, ogni innovazione un guaio, ogni miglioramento sociale come un passo verso la rivoluzione, e che possano del tutto rifiutare di muoversi per la paura di non riuscire a rimanere in piedi”.
 
Alexis de Tocqueville
“Democrazia in America”, volume due


L’attrazione gravitazionale del sole permette ai pianeti di restare nella loro orbita: la gravità dal centro garantisce la coerenza di tutto il sistema solare. E’ così che funziona pure il nostro sistema politico e sociale, scrive sul New York Times l’editorialista conservatore David Brooks. Anzi, è così che funzionava: ora non più. “Molti dei grandi soli del nostro mondo mancano di convinzione – spiega Brooks – mentre le fazioni ai margini della società sono piene di intensità e passione. Così l’attrazione gravitazionale proviene dai margini, si sviluppa sfera dopo sfera. Ogni establishment centrale, indebolito dalla propria vuotezza di significato, viene fatto a pezzi dall’attrazione gravitazionale delle periferie”. E’ il disordine mondiale o, secondo la definizione dello studioso Ian Bremmer, il mondo “G-zero”: c’è un vuoto di potere nella politica internazionale creata dal declino dell’influenza occidentale e dal ripiegamento sugli interessi nazionali da parte di molti stati sviluppati. Ci siamo riempiti di G-qualcosa, ancora utilizziamo il club del G8 come un sistema di misurazione delle interazioni internazionali e non ci accorgiamo che abbiamo isolato la Russia dai consessi dell’ormai G7, salvo poi doverci accordare con Mosca su tutto, compreso lo spazio aereo siriano, per evitare quegli “spiacevoli incidenti” che farebbero crollare ogni collaborazione con l’occidente. Senza centro, emergono le periferie, o “gli outsider”, come li chiama Brooks.

Il vuoto è il grande protagonista del nostro tempo. C’è un vuoto di leadership, ben testimoniato da quel che accade in medio oriente e soprattutto nella crisi siriana – laddove il vuoto occidentale è stato riempito da un lato dallo Stato islamico jihadista e dalla sua conquista territoriale e dall’altro dall’alleanza anti occidentale formata dai russi, dagli iraniani e dal regime di Damasco – e c’è un vuoto di significato che ha creato quel che Joshua Mitchell ha definito, in un saggio su National Interest, la “Age of Exhaustion”, l’età dello sfinimento.

Siamo vuoti e sfiniti: sembra il racconto di un matrimonio andato male, in cui hanno vinto gli egoismi, il disinteresse, il silenzio, l’incomprensione, la partita di calcetto piuttosto che una serata in famiglia sul divano a guardare un film per ragazzi con i pop corn spiaccicati tra i cuscini. Nelle relazioni internazionali, come nei matrimoni, il vuoto non dura troppo a lungo, soprattutto quando non resta a livello superficiale, ma diventa intimo, emozionale, quasi spirituale: “L’occidente – come scrive Brooks – non ha risposto alle sfide rischiando tutto per difendere la propria visione, combattendo il fanatismo con gusto. Al contrario, ha perso fiducia nelle proprie capacità di comprensione e di azione. Percependo questa perdita di fiducia al centro, molte persone ben determinate ai margini hanno fatto un passo avanti per prendere il controllo della situazione”. Non c’è soltanto il sostanziale disimpegno – disinteresse – del presidente Barack Obama nei confronti del mondo: la maggior parte dell’establishment americano ha perso la convinzione di poter restaurare un ordine globale, e non pensa di poter giocare un ruolo da attore globale con la stessa efficacia del passato (non vale per tutti gli americani allo stesso modo: basta ascoltare il candidato repubblicano Marco Rubio, per esempio, e il piagnisteo declinista risulta un rumore di sottofondo appena fastidioso).

Brooks ricostruisce l’indebolimento spirituale dell’occidente: “Dal 2000, la visione del mondo post Guerra fredda ha subìto un colpo via l’altro. Alcuni di questi colpi ce li siamo inflitti da soli. La democrazia, soprattutto negli Stati Uniti, è diventata disfunzionale. La stupidità di massa ha portato a un collasso finanziario e ha privato il capitalismo del suo slancio morale”. Così molti hanno iniziato a rifiutare la visione democratica del capitalismo, costruita attorno “alla felicità individuale e al materialismo”, e hanno cercato nuove forme di significato nelle logiche tribali, nazionalistiche, o in altre ideologie più forti e più brutali. “Un gruppo di uomini ben istruiti ha tirato giù il World Trade Center – scrive Brooks – I fanatici sono fioccati in medio oriente per decapitare stranieri e apostati. La crescita dell’influenza cinese non ha generato un ammorbidimento, ma anzi in alcune aree ha portato a una rinnovata belligeranza nazionalistica. L’Iran è sempre devoto alla sua escatologia radicale. La Russia è guidata da un gangster dallo sguardo di ghiaccio, con una visione semi teologica del destino nazionale, che approfitta di ogni occasione per indebolire l’ordine mondiale”.

E noi? Sfiniti. Nel momento in cui dovrebbe essere ancora più forte, e convinta, la capacità occidentale di dare una forma al mondo, siamo presi dalla spossatezza. “Exhaustion” è il termine che usa Joshua Mitchell, professore di Gorgetown gran studioso di Tocqueville, per indicare la nostra epoca, il risultato della “mutazione trionfalistica” del liberalismo e della risposta antiliberale incarnata dalle politiche identitarie e nazionaliste. Dopo tanto combattere, il centro gravitazionale è esausto, e come spiega Brooks non si tratta di una stanchezza contingente, ma di una stanchezza morale.

Secondo Mitchell, anche Tocqueville aveva compreso che se la transizione a modelli sociali democratici è sempre tumultuosa, una volta che si è assestata emergono nuovi problemi: i cittadini perdono la fiducia nella libertà e non combattono più per difenderla. Se vale la metafora del matrimonio: è il momento in cui dai tutto per scontato. “Il grande sfinimento” si presenta sotto molte forme. Nelle nostre scuole, si tende a dare sempre voti alti perché così i ragazzini si sentono motivati e non subiscono il trauma del fallimento – se “ci sentiamo bene con noi stessi, non è forse sufficiente? “Cercare noi stessi” – scrive Mitchell – diventa più importante che “costruire un mondo”: ci hanno già pensato le generazioni precedenti a farlo, noi ora possiamo occuparci d’altro. Non si tratta del solito conflitto generazionale per cui oggi non ci sono più “builder” visionari come nel passato perché siamo tutti troppo occupati a cercare l’inquadratura migliore per il selfie da postare su Instagram. Non si tratta nemmeno o non soltanto del ventre molle occidentale che preferisce adattarsi ai valori altrui piuttosto che difendere i propri. E’ che spesso manca la convinzione. Un altro esempio: nei giochi dei bambini, tutti prendono un premio. “La grande e irrisolvibile tensione interna alla democrazia – tra l’uguaglianza permanente cui ambisce la democrazia e le ineguaglianze transitorie del successo o del fallimento che permettono al mercato di migliorare – è stata risolta a favore dell’uguaglianza”: tutti prendono un premio perché così nessuno si sente ferito, o inferiore, o fallito.

Mitchell scrive che “abbiamo risolto il problema della scarsezza delle risorse soltanto redistribuendo la ricchezza che abbiamo già prodotto. Marx diceva che la rivoluzione era necessaria per mettere fine all’alienazione e alla scarsezza. Ma questo è troppo difficile: siamo tutti borghesi socialisti, adesso. Nietzsche pure è troppo difficile da sostenere: diceva che la sofferenza è parte sostanziale dell’esistenza, ma nell’èra del grande sfinimento la sofferenza invece è contro la vita e bisogna sradicarla”. Quando si è esausti, si deve edulcorare la realtà, sfruttarla a proprio vantaggio, certo non rivoluzionarla, ma nemmeno troppo cambiarla.

Anche le parole che utilizziamo nel tempo della stanchezza sono diverse dal passato: i cittadini sono diventati “the folks” (termine usatissimo da Obama), e gli alleati non sono più alleati, nella politica internazionale: sono “partner”. Le alleanze presuppongono un mondo pericoloso nel quale la guerra inevitabilmente accadrà, anche se non sappiamo quando: si formano alleanze per difendersi o per difendere altri paesi. “Le alleanze – scrive Mitchell – indicano che il sangue e il patrimonio di un paese saranno sacrificati in nome di interessi altrui, richiedono una dimostrazione costante di buona volontà, di trattamenti preferenziali, e di continue prove del fatto che se un problema ci sarà, l’alleanza sarà pronta a farsi valere”. Ma oggi le guerre si evitano a ogni costo, cosa in sé non deprecabile, naturalmente, ma si sa che quando si toglie dal tavolo l’opzione dello scontro non si può che abituarsi ai compromessi. Siamo arrivati al punto di non rispettare linee rosse autoimposte (sono linee rosse che hanno cucito insieme il nostro mondo, dovrebbero valere e basta, anche se qualcuno non le ricorda), e quindi le alleanze diventano partnership. Il legame è più lasco: ci sono per te, ma non sempre e ad alcune condizioni.

In medio oriente la metamorfosi è evidente. Archiviato l’asse del male, considerato dall’opinione pubblica come il più grande errore commesso dalla leadership americana negli anni Duemila, le partnership sono diventate più fluide: sempre per restare in ambito matrimoniale, è il concetto di “coppia aperta”. Così gli americani collaborano di fatto con gli iraniani a terra in Iraq ma chiedono al principale alleato dell’Iran nella regione, il rais siriano Bashar el Assad, di lasciare il palazzo di Damasco. E allo stesso tempo gli americani collaborano in Yemen con i sauditi che combattono contro un’alleanza di ispirazione iraniana.

Nell’epoca dello sfinimento, non ci sono né grandi amori né grandi odi, così non soltanto le alleanze sono obsolete: lo sono anche i nemici. “Quando non ci sono nemici – scrive Mitchell – non c’è bisogno di incoraggiare i dissidenti nei regimi che hanno esplicitamente dichiarato noi come nostri nemici”. Noi non abbiamo nemici, ma siamo i nemici – dichiarati, esplicitati, chiarissimi: ce lo dicono appena possono che vorrebbero ucciderci tutti – per quegli “outsider” che stanno usurpando il nostro centro gravitazionale. Ma senza nemici, non esiste nemmeno la politica internazionale – è per questo che Obama non ha avuto bisogno di elaborare una dottrina per il mondo e si è accontentato di fare del buon senso il suo faro. “Don’t do stupid shit”, disse nel 2014 durante un viaggio in Asia dopo aver parlato a lungo con i giornalisti e rispondendo alla sua stessa domanda: “Allora, che cos’è la mia politica estera?”. Come ha scritto su Foreign Policy David Rothkopf, siamo passati dall’audacia della speranza, dal cambiamento ottimista di “yes we can”, ai reset e ai pivot – il reset con la Russia non è andato benissimo, il pivot con l’Asia forse peggio – e infine al manuale del “non infilare le dita nelle prese elettriche”.

Non c’è nulla di più sfinente del pragmatismo cinico di cui ha dato prova l’America di Obama. Gli esperti producono tabelle e dati di ogni genere per dimostrare quando e come arriverà il gran sorpasso della leadership americana, prevedibilmente da parte della Cina, ma se l’influenza culturale americana nel mondo è e sarà difficile da soppiantare (qui non si è declinisti per nulla), di certo l’assenza di un centro gravitazionale univoco e riconoscibile ha generato grande confusione. Quando si è stanchi, perché si devono portare fardelli così opprimenti come l’ordine mondiale? “Nell’èra dello sfinimento – scrive Mitchell – il compito di plasmare le priorità globali che era stato dei britannici prima e degli americani poi non deve più ricadere su nessuno: il presupposto è che la storia in sé cada dalla parte della pace; che gli alleati e i nemici sono categorie antiquate; che il peso della leadership può essere condiviso o preferibilmente schivato; e che una mano tesa e una dichiarazione di scuse da parte dell’America possano dare quella spintarella che la storia ha bisogno per arrivare alla pace mondiale”.

Il paradosso finale, secondo Mitchell, è questo: nel mondo liberale, la libertà “che ci ha portato nella direzione sbagliata e che costituisce un peso troppo grande da sopportare” finisce per essere ripudiata. Negli affari internazionali, il fine politico è di agire in nome della “necessità planetaria” che è evitare il cambiamento climatico catastrofico; negli affari interni, è quello di muoversi restando ancorati alle categorie identitarie. Così i siriani in fuga dal regime e dalla furia jihadista arrivano nella nostra Europa gridando libertà, ringraziandoci perché esistiamo, perché siamo fatti come siamo fatti, ci ricordano che il centro gravitazionale del sistema mondo siamo sempre noi. Ma noi siamo esausti, e non li guardiamo neppure.

#buongiorno #buonadomenica #goodmorning #goodsunday #coffee...



#buongiorno #buonadomenica #goodmorning #goodsunday #coffee #winter #picoftheday #morning #walkingwithmydog #reflection #reading #writing - Perdona i tuoi nemici, ma non dimenticare mai i loro nomi (JFK) - #remember #reflectionoftheday - Forgive your enemies, but never forget their names (JFK) - #instagram #instamorning #pic #coach #coaching http://ift.tt/1SRtMjZ


from Tumblr http://ift.tt/1XhWDiI
via IFTTT

sabato 21 novembre 2015

#sunday #labrador #mylabrador #dog #I❤️mylabrador...



#sunday #labrador #mylabrador #dog #I❤️mylabrador #labradorretriever #Brenda #love #labradorpuppy #puppy #infinitelove #mydog #happysunday #onelove http://ift.tt/1Xg45ed


from Tumblr http://ift.tt/1I2IW5r
via IFTTT

#buongiorno #goodmorning #sunday #relax #reflection...



#buongiorno #goodmorning #sunday #relax #reflection #walkingwithmydog - Le persone di successo insegnano agli altri come salire, non dove scendere - #nevergiveup #heart #maimollare #coraggio - Successful people teach others how to go up, not where to get off - #mindfulness #neverforget #picoftheday #instagram #instamoment #instamorning #hardwork #happysunday #motivation http://ift.tt/1kMHg61


from Tumblr http://ift.tt/1X3Zst3
via IFTTT

venerdì 20 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #walking...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #walking #walkingwithmydog #reflection - Chi trionfa sugli altri è forte, ma chi trionfa su se stesso è onnipotente (Lao Tzu) - #picoftheday #instagram #instamoment #instamorning #power #mindfulness #mindpower - Who triumphs over the other is strong, but who triumphs over itself is almighty (Lao Tzu) - #nevergiveup #neverforget http://ift.tt/1kJCxCk


from Tumblr http://ift.tt/1I2OeJ2
via IFTTT

giovedì 19 novembre 2015

#buongiorno #goodmorning #caffè #motivazione #riflessioni - Per...



#buongiorno #goodmorning #caffè #motivazione #riflessioni -
Per costruire una mentalità vincente, è importante ricordarsi che non si deve essere perfetti, si deve solamente continuare a cercare di essere il meglio che si può. (E. Ferrari) - #mentalità #vincente #mentality #winner #reflection #reflectionoftheday #walkingwithmydog #maimollare #nevergiveup #picoftheday #grey #frog #rain but #happy #finoallafine #untiltheend #country #fatherland #romagna #motivation http://ift.tt/1O4w2oP


from Tumblr http://ift.tt/1Qvwo9m
via IFTTT

mercoledì 18 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee - Noi...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee - Noi troveremo una strada. Oppure ne faremo una nuova.(Annibale) - #thinkdifferent #thinkpositive #goodlife #goodluck #nevergiveup - We will find a way. Or will a new one. (Hannibal) - #picoftheday #instagram #instamorning http://ift.tt/1j6PWTc


from Tumblr http://ift.tt/1MRxREP
via IFTTT

martedì 17 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup & #coffee...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup & #coffee -Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine. È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono lievi brezze (A.Einstein) - #maimollare #nevergiveup #neverforget #instagram #walkingwithmydog #reflection #goodluck #goodlife http://ift.tt/20YkxV0


from Tumblr http://ift.tt/1l1mBLf
via IFTTT

#goodmorning from #Capecod #usa #i❤️usa🇺🇸 #goodday...



#goodmorning from #Capecod #usa #i❤️usa🇺🇸 #goodday http://ift.tt/1NY4C3N


from Tumblr http://ift.tt/1PxevH8
via IFTTT

lunedì 16 novembre 2015

With the #bigone @linoieluzziofficial #cool #jacket...



With the #bigone @linoieluzziofficial #cool #jacket #doublebreastedjacket #seven #goodluck #tie #italy #milano #fashion #thebestofthebest #bracelets #shoes #pants http://ift.tt/1HUhy4q


from Tumblr http://ift.tt/1MisvRd
via IFTTT

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #goodweek #monday -...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #goodweek #monday - La forza non deriva da capacità fisiche, ma da una volontà indomita (Gandhi) - #walkingwithmydog #winner #instagram #instamorning #pic #countryshire #nevergiveup http://ift.tt/1SST1mL


from Tumblr http://ift.tt/1kzteon
via IFTTT

domenica 15 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #buonadomenica #goodmorning #guys...



#buongiorno #mattinieri #buonadomenica #goodmorning #guys #goodsunday - Arrendersi è il più grande vantaggio che si può dare al nemico. (Confucio) - #nevergiveup - Surrender is the biggest advantage that you can give to the enemy. (Confucius) - #neverforget #cosmiccross #holyland #pic #picoftheday #picofthemorning http://ift.tt/1kWdlI7


from Tumblr http://ift.tt/1WZChdS
via IFTTT

venerdì 13 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #coffee...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #coffee #reflectionoftheday Non è forte colui che non cade mai, ma colui che cadendo si rialza. (Goethe) #nevergiveup #maimollare #sunrise #pic #picoftheday #untiltheend Not strong one who never falls, but the one who stands up falling. (Goethe) #instagram #walkingwithmydog #countryshire #fatherland #goodday http://ift.tt/1MrrfJF


from Tumblr http://ift.tt/1MN1lPK
via IFTTT

giovedì 12 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #wakeup #goodmorning #coffee #reading...



#buongiorno #mattinieri #wakeup #goodmorning #coffee #reading #walkingwithmydog #reflection - Stai in piedi come un albero, siedi come una roccia, muoviti come il vento. (Proverbio) - #rock #speed #tree #action #borntorun #nevergiveup #goodluck #goodlife #goodday #instagram #instamorning - You’re standing like a #tree, sit like a #rock, #move like the #wind. (Proverb) - #pic #picoftheday http://ift.tt/1MCasXC


from Tumblr http://ift.tt/1WNTmgi
via IFTTT

mercoledì 11 novembre 2015

#walkingwithmydog #countryshire #romagna #morning #sunrise #frog...



#walkingwithmydog #countryshire #romagna #morning #sunrise #frog #silence #happiness #reflection What else ? http://ift.tt/1QhmAzP


from Tumblr http://ift.tt/1koogLd
via IFTTT

#buongiorno #mattinieri #coffee #wakeup - Non si ricordano i...



#buongiorno #mattinieri #coffee #wakeup - Non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi. (C. Pavese) A volte la vita si concentra in questi momenti - #reflection #action #believe #maimollare #nevergiveup #picoftheday #picofthemorning #goodmorning - Do not you remember the days, we remember the moments. (C. Pavese) Sometimes life is concentrated in these moments - #instagram #instamorning #instamoment http://ift.tt/1Po11gW


from Tumblr http://ift.tt/1HwW1E6
via IFTTT

martedì 10 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #reflection...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #reflection - Credo nelle idee che diventano azioni (E.Pound) - I believe in the ideas that become actions (Ezra Pound) - #action #countryshire #fatherland #walkingwithmydog #borntorun #goodday #goodluck #nevergiveup #instagram #picofthemorning http://ift.tt/1HE0PlP


from Tumblr http://ift.tt/1RK4jZu
via IFTTT

lunedì 9 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #monday...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee #monday #november - Abbiamo due orecchie e una sola bocca proprio perché dobbiamo ascoltare di più e parlare di meno. (Zenone) - #remember #instagram #pic #goodlife #goodluck #goodday #borntorun #reflection #walking #fatherland #countryshire http://ift.tt/1Hp3yVm


from Tumblr http://ift.tt/1MGiZV8
via IFTTT

domenica 8 novembre 2015

Il mattino… il silenzio… la campagna…...



Il mattino… il silenzio… la campagna… Donano momenti di serenità e felicità infinita #fatherland #italy #italyisbetter The #morning … the #silence … the #country … They give moments of #serenity and #infinite #happiness… #goodsunday #guys http://ift.tt/1L4071h


from Tumblr http://ift.tt/1khYacy
via IFTTT

#buongiorno #buonadomenica #goodmorning #goodsunday #coffee and...



#buongiorno #buonadomenica #goodmorning #goodsunday #coffee and #reflection - Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa. (Proverbio) - #borntorun #nevergiveup - Who seriously wants something finds a way, others an excuse. (Proverb) - #neversaynever #untiltheend #maimollare #maidiremai #happysunday #november #pic #picblackandwhite #blackandwhite #instagram http://ift.tt/1L3WnNd


from Tumblr http://ift.tt/1khVP1q
via IFTTT

sabato 7 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #saturday #italy...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #saturday #italy #countryshire #dreams do not die at #sunrise #nevergiveup #fightuntiltheend #bravery - osare l'inosabile ! - #finoallafine #maimollare #pic #picoftheday #instagram #walkingwithmydog #instamorning #coffee #borntorun http://ift.tt/1HyDG45


from Tumblr http://ift.tt/1MDbKNR
via IFTTT

venerdì 6 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #coffee #absolutely...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #Wakeup #coffee #absolutely - Il successo non è mai definitivo, il fallimento non è mai fatale; è il coraggio di continuare che conta. (W. Churchill) - #remember #reflection #walkingwithmydog #walking & #think #thinkpositive #pic #instagram #italy #italyisbetter #nevergiveup #maimollare #finoallafine - Success is never final, failure is never fatal; It is the courage to continue that counts. (W. Churchill) http://ift.tt/1GO7XRG


from Tumblr http://ift.tt/1Oso5uL
via IFTTT

With THE #bigone Lino 😊 #albazar #milan #cool #menswear...



With THE #bigone Lino 😊 #albazar #milan #cool #menswear #doublejacket #seven #dress #coats #ties #thebestofthebest 👍🏻 http://ift.tt/1Ngr57J


from Tumblr http://ift.tt/1NvW3x6
via IFTTT

giovedì 5 novembre 2015

#goodwords #change #life #lifeishard #goodluck...



#goodwords #change #life #lifeishard #goodluck http://ift.tt/1HsZMVw


from Tumblr http://ift.tt/1kvuNmt
via IFTTT

#buongiorno #mattinieri …nessun dorma !… #Wakeup...



#buongiorno #mattinieri …nessun dorma !… #Wakeup #goodmorning 5:45 AM #coffee #goodluck #action #pictureoftheday #pic #morning #nevergiveup #instagram http://ift.tt/1Poa7sk


from Tumblr http://ift.tt/1OpVWV9
via IFTTT

mercoledì 4 novembre 2015

#buongiorno #goodmorning from #Brenda #labrador...



#buongiorno #goodmorning from #Brenda #labrador #labradorretriever #mydog #dog #ilovemylabrador #pic #pictureoftheday #instagram #instadog #fantastic #happy after #walking by @gianlucavidotto http://ift.tt/1krlLac


from Tumblr http://ift.tt/1Hq9DLZ
via IFTTT

#buongiorno #mattinieri #wakeup #walkingwithmydog #country...



#buongiorno #mattinieri #wakeup #walkingwithmydog #country #italy #countryshire - Conta fiori del tuo giardino, mai le foglie che cadono. (R.Battaglia) - #reflection #think #thinkpositive #goodday #innovation #transformation #action #pic #instagram #instamorning #goodmorning #life #newopportunities #nevergiveup http://ift.tt/1My6B9O


from Tumblr http://ift.tt/1RRk1BM
via IFTTT

martedì 3 novembre 2015

La bottega di Gaiole in Chianti… “…o che tu...



La bottega di Gaiole in Chianti… “…o che tu la conosci? Ti garba ? ” @simsern 😀👍🏻 http://ift.tt/20qbwE8


from Tumblr http://ift.tt/1WtgVLc
via IFTTT

#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee - Accetta...



#buongiorno #mattinieri #goodmorning #wakeup #coffee - Accetta mille consigli, ma il tuo portalo avanti. (Proverbio) - #walking #countryshire #romagna #fatherland #readytogo #borntorun #instagram #pic - Accepts hundreds of suggestions, but your take it forward. (Proverb) - #sapience #goodday #goodluck #everything #victory #nevergiveup http://ift.tt/1M8Ni7B


from Tumblr http://ift.tt/1NO5GFH
via IFTTT

lunedì 2 novembre 2015

#buongiorno #mattinieri - La forza non deriva dalle capacità...



#buongiorno #mattinieri - La forza non deriva dalle capacità fisiche, ma da una volontà indomita (Gandhi) - #wakeup #cooffe #monday #action #borntorun #goodluck #gotowork #instagram #pic #newweek #happy http://ift.tt/1NLAabo


from Tumblr http://ift.tt/1RnSurU
via IFTTT

domenica 1 novembre 2015

L'Amore di un cane per il suo padrone è inspiegabile a chi non...



L'Amore di un cane per il suo padrone è inspiegabile a chi non l'ha mai provato. Solo lo sguardo dice tutto. #dog #labrador #ilovemylabrador #brenda #sunday #goodsunday #buonadomenica #relax #photo #pictureoftheday #instagram #instadog #puppy #labradorretriever #fantastic #thanks to @gianlucavidotto Un vero professionista e un artista della fotografia #tobecontinued … http://ift.tt/1OgIAKW


from Tumblr http://ift.tt/1l1yMrz
via IFTTT